In merito alle modalità operative sulla restituzione del TFR versato per i lavoratori iscritti al Fondo Prevedi che, in seguito ad analisi di modelli TFR1/TFR2, viene dimostrato essere iscritti erroneamente, si precisa che lo stesso andrà SEMPRE reso all’azienda che ha provveduto al versamento errato, anche nei casi in cui il lavoratore è uscito (per dimissioni, licenziamento o quant’altro) dall’azienda stessa. La restituzione all’azienda è resa necessaria per la tassazione che si deve applicare da parte della stessa nel caso di liquidazione del TFR. Il lavoratore dovrà quindi rivalersi sull’azienda nel caso la stessa non abbia già provveduto a liquidare le intere spettanze.

Condividi questa pagina